Destinazione Bordeaux..

Vi avevo detto che vi avrei portato con me e allora questa volta destinazione Bordeaux.

Sono stata 4 giorni in questa elegante cittadina francese, nota per il vino che si produce in questa zona, per fare un bellissimo tour enograstronomico. Cittadina piena di vita e al tempo stesso tranquilla, piena di locali tipici in cui poter degustare del buono vino, assaggiare dei buoni formaggi o mangiare una buona crêpe. Non vi parlerò della città, ma dei locali che ho frequentato e della mia esperienza enogastronomica.

Ho mangiato una buona galette da Nom d’une crêpeuna creperia al centro di Bordeaux in cui ho avuto modo di gustare anche del buon sidro di mele biologico. L’offerta del menù è verticale, quindi concentrata su un solo prodotto, ma è molto ampia la varietà proposta che accontenta ogni palato. Si passa, infatti, dalle galette veg&veg a quelle a base di carne o di pesce, più gourmet, all’offerta dolce delle classiche crêpe susette o alla nutella. È possibile, inoltre, fare il menù per assaggiare ad un prezzo molto conveniente sia la variante dolce che salata.

Un altro locale che ho avuto modo di conoscere è stato Simone – Cocktailerie et cousine, un locale molto carino che si affaccia sulla Garonne. Ampia scelta di cocktail, piatti molto buoni, ben fatti e dal gusto delicato, porzioni però un po’ ridotte. Molto scenografica, oltre che buona, la vellutata di zucca con fonduta servita all’interno di una zucca vera.

Uno dei locali che mi è rimasto nel cuore è, invece, Le bistrot du fromager, in cui ho gustato un’ottima selezione di salumi e formaggi francesi accostati a dei buoni vini. In questo locale, il proprietario ti da la possibilità di scegliere i formaggi che più preferisci da inserire nel tagliere tra una vasta gamma di formaggi esposti a vista d’occhio. Il vero valore aggiunto di questo locale è, infatti, il personale, molto gentile, disponibile e accogliente.

Infine il locale che mi ha conquistata è Aneto bistrot, un piccolo bistrot con circa 30 posti a sedere, in cui tutti i giorni a pranzo è possibile fare delle degustazioni con tre portate, scegliendo tra due entrée, due piatti principali e due dessert. Sia il pesce che la carne sono cucinati in maniera impeccabile attraverso un sapiente accostamento di sapori e consistenze che conferiscono ai piatti un sapore unico. Per non parlare dei dolci, sublimi!

A dire il vero ho provato un altro locale, Le meule du berger, in cui ho assaggiato sia la fonduta che la raclette. Entrambe buone ma il modo confusionario di lavorare dei camerieri, a volte poco cortese e l’atmosfera caotica non mi hanno fatto apprezzare appieno il momento, motivo per cui non sono in grado di dare un giudizio.

E se siete appassionati di vino non fare un viaggio con destinazione Bordeaux e non visitare i vari Chateaux, in cui fare ottime degustazioni di Bordeaux o visitare La cité du vin, per conoscere la storia del vino e le sue curiosità, imparare a riconoscerne gli odori e mettersi alla prova con quiz e domande per poi finire a degustarne un calice davanti ad un panorama mozzafiato.

Che dire.. sono rimasta affascinata da questa città, dalla sua storia, dalla sua eleganza e dalla sua cultura enogastronomica. Allora, se non sapete dove prenotare il prossimo viaggio, ve lo consiglio io… destinazione Bordeaux!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *